L’IO CHE NON C’È di Silvia Costanzi

romanzo

pagg. 112

anno 2020

ISBN 978-88-6282- 228-2

Silvia Costanzi, romana, docente di lettere, racconta una esperienza ponendo l’io narrante dalla parte inversa rispetto a quella cui ci aveva informato lo psichiatra-scrittore Mario Tobino, autore del romanzo “Per le antiche scale”, vincitore del Premio Campiello 1972. É un’opera letteraria, questo L’Io che non c’è di una originalità assoluta in quanto evocazione in chiave autobiografica di una serie di vicende rese come per un disinibito e liberatorio diario in pubblico, che partendo dai giorni dell’adolescenza entra sino al vivo della vita dei nostri giorni e delle sue realtà più imprevedibili e nello stesso tempo rivendicative per la profonda umanità di cui sono pervase le pagine, dense di fede e fiducia espresse con spontaneità e con linguaggio corrivo, da conversazione confidenziale amicale, che contribuisce a rendere ancor più avvincente la trama complessa della vicenda umana e dei suoi alternanti, intricati risvolti romanzeschi.

Recensioni

Recensisci per primo “L’IO CHE NON C’È di Silvia Costanzi”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.