Anno DCXCI. Ab urbe condita (di Alfio Siracusano)

romanzo

sottotitolo: 63 a. C. Catilina deve morire

Collana Nuove Tressule

pagg.241

2019

ISBN 978-88-6282-221-3

La lotta per il potere non ha mutato stile dal tempo dei tempi, fino ad oggi. Sono cambiati solo i nomi dei protagonisti e le modalità “tecniche” del loro agire. Da un lato chi detiene i mezzi e economici e dunque il potere, dall’altro chi rivendica diritti che gli vengono negati. Fu così ai tempi dei Gracchi, di Catilina e Cicerone, così è oggi con la grande finanza che spoglia una parte dell’umanità.

Intrecciando Storia e finzione narrativa, l’autore ha ricostruito in forma romanzata l’ultimo tentativo di Catilina di essere eletto console di Roma, tra brogli e palese violazioni delle leggi di garanzia, rovesciando il cliché tradizionale che vedeva Catilina come il nemico della patria.

Ne viene fuori uno spaccato impietoso della politica e dell’esercizio del potere.

Recensioni

Recensisci per primo “Anno DCXCI. Ab urbe condita (di Alfio Siracusano)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *