JETTU UCI SENZA VUCI di Francesco Foti

collezione Centovele

con prefazione di Mario Grasso e 11 acquerelli di Alfredo Musumeci

ISBN 978-88-6282-090-5

Una voce, in questa silloge di liriche in siciliano di Francesco Foti, in cui il ” gridare sottovoce” è forte e incisivo e chiama a raccolta le sensibilità residue di un mondo tendente a relagare i sentimenti a funzioni pratiche, ad applicazioni informatiche, forse ijiziatiche rispetto al futuro dei robot che avanza per agevolare l’adattamento dell’uomo in un prossimo mondo senza l’uomo…

Recensioni

Recensisci per primo “JETTU UCI SENZA VUCI di Francesco Foti”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *