U saristanu d’a Liutriria …

si fici vecchiu …

ha’ quas’i nuvant’anni e  ancora sona!

L’amici (e cci ni su’ tra ritt’e storti)

l’aiutunu cc’u cori addùma e svampa

ma c’è cu dici: e chistu ancòra campa?

 

Cca, ppi diri ca unu è ’n pocu stranu

cci mentunu ppi peccu ’n Marianu,

nenti di malu, è comu diri a sbaddu

ca ’u tali è sceccu e mai sarà cavaddu.

Ma sta vota ’u misteri ’i saristanu

fici passàri arreri ’u Marianu

e c’u cerca ’u ccarizza s’u rruffiana:

’mpari m’a fai sunari ’sta campana?

 

Poi cci su chiddi d’autru campanaru

ca  a Marianu ’u vulunu ppi mortu.

Tu dici e comu mai? ppi quali tortu?

Nenti  di cchi, si tratta d’i campani

ca i sentunu cchiù i surdi si è Marianu

ca i sona ccu i so’manu.

 

Marianu ca già si fici vecchiu

ma è sempri sceccu e volunu sia sulu

picchì occa sceccu, iddu u chiamau mulu!!!

Nenti ci potti  ê trona doppu i lampi

e u mulu dici ô sceccu: ancora campi?

 

A zzita è  chista: tutti i saristani

di l’autri campani d’u Liotru

aspettunu assittati ’nt’u curtigghiu

u  jornu d’a parrata ’i cuncutrigghiu

ppi l’anima di ’n vecchiu saristanu.

 

Cchi munnu stranu pp’accussì com’è!

Mario Grasso

Il sacrestano della LiotreriaIl sacrestano della Liotreria / si è fatto vecchio / ha quasi novant’anni e ancora suona ! / Gli amici ( e ce ne sono tra dritti e storti) / lo aiutano con slanci di cuore / ma c’è chi dice “e questo ancora campa?”// Da noi per definire qualcuno che si presenta strano / gli appiccicano il soprannome di Mariano, / niente di male è come definire per divertimento / che il tale è un asino e non sarà mai cavallo. / Ma in questo caso il mestiere di sacrestano / fruttò il far passare in seconda linea il Mariano / e chi va a cercarlo lo accarezza con mano ruffiana: / “Compare me la fai suonare questa campana?” // Poi vi sono quelli d’altro campanile / che  bramano Mariano sia morto. / Tu chiedi come mai? Per quale torto? / Niente di che, l’argomento sono le campane / il cui suono raggiunge l’orecchio dei sordi se è Mariano / a farle suonare con le proprie mani.// Mariano che già si è fatto vecchio / ma è rimasto sempre asino e tutti vogliono rimanga solo e isolato / perché lui, (Mariano) ha definito mulo qualche asino!!! / Non c’è stato potere di fermare i tuoni una volta manifestatisi i lampi / e il mulo disse all’asino: “Ancora campi?” // La fidanzata è questa: tutti i sacrestani / degli altri campanili di Liotreria / attendono, seduti nel cortile / il giorno della parlata del coccodrillo / per l’anima di un vecchio sacrestano. // Che mondo strano per così com’è!