IL COLPO DI CODA

ricostruzione fantastica di un noto storico caso di banditismo in Sicilia.
 PER RICEVERE IL ROMANZO "IL COLPO DI CODA" A DOMICILIO SENZA ALCUN AGGRAVIO DI SPESE POSTALI E PAGAMENTO TRAMITE ACCLUSO MODULO DI CC POSTALE DA VERSARE ENTRO VENTI GIORNI DELLA RICEZIONE DEL LIBRO, RICHIEDERE PER MAIL A: provadautore@iol.it o per fax allo 095/375380 o CHIAMANDO AL CELLULARE AZIENDALE 3400649825, INDICANDO INDIRIZZO DI POSTA ORDINARIA CUI INDIRIZZARE QUANTO RICHIESTO.*****************Per "IL COLPO DI CODA" - (analisi criticadi Alessandro Centonze) .- :“IL COLPO DI CODA” romanzo opera prima di Giuseppe Pelleriti propone ai lettori un bellissimo affresco di una Sicilia, antica e misconosciuta, che ruota attorno alle gesta di una banda criminale, capeggiata da Cicciu Dottori, operante nell’entroterra isolano, tra Centuripe e Regalbuto. Gesta criminali che, pur romanzate, traggono spunto da vicende storiche realmente accadute nel secondo dopoguerra, nell’arco temporale compreso tra il 1944 e il 1946, nella stessa area ennese narrata nel romanzo di Pelleriti, che in quelle zone vive e opera.Il romanzo di Giuseppe Pelleriti, fin da subito, affascina il lettore con la sua prosa semplice ma ricercata, frutto di un attento studio del linguaggio, delle parole e degli idiomi dialettali usati dai suoi protagonisti, che conferiscono a questo racconto corale un’atmosfera narrativa dal sapore insieme arcaico e realistico; atmosfera per la quale vengono spontanei i richiami delle opere di Vincenzo Consolo e Andrea Camilleri o dei meno noti Giuseppe Mazzaglia e Fortunato Pasqualino.“Il colpo di coda”, però, non è solo una riuscita operazione linguistica.Questo romanzo, infatti, si sviluppa attraverso una trama avvincente e ricca di colpi di scena, costruita dal suo Autore, ad onta della sua natura di opera d’esordio, con abilità narrativa e con sicura padronanza dei meccanismi della narrazione poliziesca.Il romanzo di Pelleriti, al contempo, presenta una riuscita galleria di personaggi, principali e secondari, che fanno di quest’opera un affresco corale della vita rurale dell’entroterra isolano del secondo dopoguerra. Tali personaggi fanno da sfondo alle gesta criminali della banda Dottori, delineando una sorta di archetipo caratteriale del siciliano arcaico, la cui descrizione, anche grazie ai toni narrativi utilizzati dall’Autore, in parte comici in parte drammatici, costituisce uno dei tanti pregi di questa prova romanzesca.La coralità dell’opera emerge in tutta la sua dimensione narrativa nei molteplici episodi della trama narrativa costruita dall’Autore, che fanno da contrappunto alle vicende della banda criminale capeggiata da Ciccio Dottori, rendendo particolarmente emozionante il racconto. Tra questi, meritano di essere segnalati, per la loro nitidezza, tutti gli episodi che riguardano i carabinieri impegnati a contrastare la banda Dottori, che rappresentano dei veri e propri deuteragonisti del racconto.La vena comica del romanzo, che fa da contrappunto agli eventi drammatici collegati alle malefatte della banda Dottori, emerge anche dalla ricostruzione di alcune vicende narrative, parallele alla trama principale, che riguardano le relazioni sentimentali di Cicciu Dottori con alcune figure femminili, minori ma vivide, come Angila, la figlia dell’avvocato Manfrino e Aitina la moglie di Fanu. Tali passaggi narrativi, di sapore vagamente licenzioso, si inseriscono in modo armonico nella trama del romanzo di Pelleriti, arricchendola e stemperando la tensione che vi aleggia, conseguente alla drammaticità degli avvenimenti descritti dall’Autore e all’epilogo tragico di molti dei suoi segmenti narrativi.Queste caratteristiche letterarie fanno de “Il colpo di coda”di Giuseppe Pelleriti un romanzo di grande interesse narrativo, da inserire nel contesto della letteratura siciliana “periferica”, facendocelo apparire come scritto da una mano esperta e non da un Autore esordiente.(Alessandro Centonze)    
€16.00
Collana: 
Codice: 978-88-6282-189-6
Autore: 
GIUSEPPE PELLERITI
n_pagine: 
200
anno: 
2 017
Testo_aggiuntivo: 
ANNOTAZIONI CRITICHE DI ALESSANDRO CENTONZE E MARIO GRASSO