CU T'INGHITAU?

LIBRO DELLA SAGGEZZA E DELLE MALIZIE SICILIANE
 Mario Grasso è scrittore in lingua, ma si può dire che da sempre abbia praticatoil dialetto, dalle poesie di Friscalittati (Sciascia, 1982) alle altre del recentevolume che ha il titolo suggestivo, Vocabolario Siciliano, che originalmente (equasi in lontana eco delle “Vocali” di Rimbaud) seguendo l'alfabeto opera dellevariazioni delle strutture foniche e di senso, intervenendo spesso con tonisarcastici che sono del dialetto, ma sono costitutive dello stesso Grasso. Unaoperazione della quale Grasso si avvale, come nota Maria Corti nellaintroduzione non per artificio (eccetto, naturalmente, quello proprio delladimensione letteraria) bensì per tuffarsi nel mondo locale, liberarsi quindi dalleimmagini imposte di una civiltà tecnologica e vedere con coraggio le cose dellasua terra come se si vedessero per la prima volta (…).Cfr. SEBASTIANO ADDAMO in La Sicilia del 21/01/1991(…) Mario Grasso col libro Cu t'inghitau? ha raccolto detti, motti, proverbi chehanno lunga vita e mostrano ben più della così detta saggezza popolare:mostrano, anche assai più dei classici della più nota narrativa siciliana,l'intelligenza, la dinamicità e la capacità di aderire al reale, per la quale nonsapremmo trovare confronti. Occorre mettere in conto l'Autore, la sua grandepratica della letteratura, della poesia in dialetto e in lingua, e della ricerca; e inpiù della sua capacità d'invenzione e dello spirito, caustico abbastanza spesso,da sempre mostrato davanti alla letteratura e al mondo (…).Cfr. CLAUDIO MARABINI in La Sicilia del 20/07/2005(…) Una sottile e coerente ironia segno di razionale ottimismo la singolarecomplessità dei commenti, che da una scheda all'altra di Cu t'inghitau?procurano al lettore un utile divertimento per lo slalom tra verità e saggezze pertutti, insite nelle formule proverbiali universalmente valide, infatti, come si leggein uno dei detti: Unica è la volta del cielo sotto la quale sta supìna la terra e i suoiabitatori. ’A terra è a panz'allaria e ’u celu c'è quannu ’a vasa e c'è quannu ’astrafutti, ma è ’n cruvecchiu unicu ppi tutti.Cfr. ALBERTO CAPPI in La Voce di Mantova del 22/09/2005(…) Cu t'nghitau?, Mario Grasso, ad avviare una così minuziosa indagine degliinsegnamenti tramandati con spontanea sapienza dai nostri avi? Non losappiamo, ma sappiamo che le sue divertenti quanto argute pagine ’nghitirannuil lettore e lo instraderanno verso agili acrobazie del pensiero (…).Cfr. ALESSANDRA MUSCHELLA in La Repubblica del 16/05/2006
€14.00
Collana: 
Codice: ISBN 978-88-88555-63-8
Catalogo: 
Saggistica
Autore: 
MARIO GRASSO
n_pagine: 
190
anno: 
2 017
Genere: 
Testo_aggiuntivo: 
Seconda edizione ampliata. Saggio analitico-deduttivo di Giulia Sottile